giovedì 20 dicembre 2012



SE NON MI CREDETE GUARDATE LA NATURA

Quotidianamente espongo al mio prossimo circa la pericolosità delle politiche applicate, nella maggior parte dei casi (un 80% pieno) mi confronto con gente incapace di elaborare pensieri propri che ripete a "pappagallo" le menzogne dei tg...

Queste le loro frasi - chiave : 1 uscire dall'euro sarebbe la catastrofe 2 la colpa è tutta di berlusconi 3 i privilegi della casta hanno generato il debito pubblico 4 monti ha dato credibilità all'Italia... ; e cosi via con castronerie estrapolate dai mass media ripetute fino alla paranoia;

 IO MI RIFIUTO DI GUARDARE LA TV DAL MOMENTO CHE TALE STRUMENTO SIA UN'OFFESA ALL'UMANA INTELLIGENZA.

Le politiche stagflattive (inflatio + deflatio) made in eu  colpiscono i ceti deboli ma permettono ai ricchi, grazie alla convergenza di capitali verso l'alto, di vivere in maniera sempre più agiata ed opulenta.

IN QUESTO L'EURO è UN VERO SUCCESSO : ricchi sempre più ricchi e poveri sempre più poveri.

Mi congratulo con gli "europeisti" che ci raccontavano balle su balle al tempo della propaganda eu : lavoreremo meno guadagnando di più, niente più finanziarie, maggior potere d'acquisto; nascondendosi dietro i loro discorsi bigotti fino all'osso, possano in questa vita o nell'altra dar di conto per le loro menzogne...

Se pagare il doppio qualsiasi cosa mentre il vostro stipendio è fermo ai tempi della lira (o addirittura calato) non vi basta per comprendere che stiamo andando nella direzione sbagliata, vi invito a guardarvi intorno ed a valutare lo stato di salute dell'ambiente...



Aria, acqua, terra, flora e fauna vengono quotidianamente vilipese per accaparrarsi pezzi di carta privi di valore (anche se ci fosse ancora il gold standard, l'estrazione di un kilo d'oro DISTRUGGE in maniera enorme l'ecosistema più del suo valore attribuito dai cerebrolesi al potere).

Quel manipolo di vermi all'apice della società respira la stessa MERDA che respiro io, mangia la stessa MERDA che mangio io, beve la stessa MERDA che bevo io, distrugge ogni cosa pur di dominarci e sentirsi superiori alla "plebaglia". Ormai non esiste angolo del pianeta che non sia inquinato, per cui tutti i tesori che hanno guadagnato sulle spalle degli oppressi potranno soltanto accompagnarli in fredde tombe sottoterra...

Ci IMPONGONO una dieta a base di carne (molti alimenti apparentemente vegetariani contengono ingredienti di origine animale) altro che storiella del "non c'è cibo abbastanza per tutti", avete idea di quanta gente si potrebbe sfamare con la stessa quantità di cereali che serve a nutrire una mucca destinata al macello? Fatevi un breve calcolo e capirete che per vendere carne a buon mercato il bestiame non si ciba soltanto con "cereali salutari" e quella MERDA che alimenta la mucca alimenterà anche voi...

La società deve abbandonare gli schemi imposti dal sistema, dobbiamo comprendere che la cultura dell'usa e getta DEVE FINIRE AL PIù PRESTO.

Bisogna produrre solo il necessario e riparare ciò che si guasta, l'obsolescenza programmata dei beni DEVE ESSERE ABOLITA.

La proprietà privata dei mezzi di produzione può esistere solo e soltanto sotto il controllo dei governo appoggiato dai cittadini, concorrenza sleale a scapito di esseri umani ed ambiente non può più esistere.

Cementificare nonostante ci sia un'estrema abbondanza di case vuote, ma soprattutto inaccessibili, è follia...

Poter godere di un giro in bici ammirando la natura non ha prezzo, tablet e boiate figlie del capitalismo privato sono intrattenimenti che ci rendono schiavi infelici per l'eternità...

Diventare empatici verso Gaia è l'unica soluzione ai nostri problemi, l'intera Creazione è amore allo stato puro; chiuderci in noi stessi e nel nostro egoismo decreterà la nostra fine.

13 commenti:

  1. Anche i bimbi comprendono questo cartone animato:
    Man (L'uomo, arma di distruzione di massa) http://youtu.be/s24CEMIpVm0

    RispondiElimina
  2. Analizzando la realtà nella sua interezza ci sono solo due concezioni di movimento delle cose (e quindi delle persone):

    l'allontanamento e l'avvicinamento.

    Il trucco dei potenti è allontanarci da tutto e tutti, e ci sono riusciti.

    Persone parzialmente sane potevo intravederne ancora molte in generazioni più vecchie della mia di una decina d'anni.

    Io stesso che in tutti i modi cerco l'amore e l'empatia sono costretto da me stesso e dai miei istinti (indotti) ad odiare e disprezzare, anche per sfiducia nei confronti del prossimo che so essere molto peggio di me con la differenza di saperlo anche completamente o quasi corrotto.

    Ora le persone migliori (dal punti di vista della coscienza, della personalità e dell'etica) delle generazioni internet sono quelle che riescono a manetenere per puro caso una certa indipendenza dalle golosità tentatrici che ci vengono proposte.

    Divide et impera, usato all'epoca dei romani e molto prima, proposto in una versione così tanto pervasiva, multistrutturata e radicata in ognuno di noi che non lascia scampo.

    Non abbiamo più identità e il sentimento di comunione è completamente estraneo alla nostra vita, la qual cosa è una di quelle che più ci creano malessere esistenziale.

    Si vede in ogni aspetto della nostra vita e delle nostre scelte.

    Quello che è stato fatto è sfruttare l'idiozia delle persone e steroidarla ad orgoglio, vanità, egocentrismo, egoismo e menzogna.

    Siamo capaci di prendere una bandiera qualunque e dare a tutti gli altri dei coglioni, solo questo.

    Non so come tu faccia ad essere positivo sapendo che non solo tutti siamo fottuti, ma che siamo anche irrimediabilmente tutti figli di puttana rendendoti impossibile fidarti presino di te stesso e dei tuoi intimi.

    Per di più i casi sono due, o i nostri superpotenti sono d'accordo col resto dei super potenti ed allora siamo tutti fottuti in maniera pseudo-tranquilla, oppure non lo sono e ci sarà presto una guerra mondiale coi fiocchi, non di quelle inscenate un po' qui ed un po' la per la spartizione di ricchezze tra potenti. Dico di quelle tra blocco U.S.A. e blocco cinese per la supermazia mondiale. A quel punto, dopo una devastazione totale ed infinite sofferenze e miserie in ogni dove, saremo tutti LO STESSO fottuti. Non cambia niente comunque.

    La propsettiva più rosea la da' il rifugiarsi con un centinaio di persone in qualche foresta neo zelandese e vivere in una situazione tecnlogicamente moderna di ciò che viene raccontato in "The Grudge".

    Sempre sperando che la nuova zelanda sia abbastanza lontana...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Claudio
      tu sei un grande, con una decina di periodi mi hai fatto capire quanto tu sia una persona lontana anni luce dalla massa.
      una guerra mondiale non interessa a nessuno perchè ci sono talmente tante testate nucleari da distruggere 5 Gaia per questo si sono inventati la storia della recessione globale in modo da controllarci e renderci schiavi in maniera progressiva e relativamente nell'oscurità in modo da abituare le prossime generazioni a un divario sempre più marcato tra ricchi e poveri.
      Non ci sono soluzioni e siamo fottuti ma persone su cui contare esistono bisogna solo cercarle.
      Io apprezzo la vita quando sono vicino a chi amo, quando vado in bicicletta o ascolto buona musica del resto me ne frega relativamente in quanto sono una persona pienamente consapevole della propria esistenza.
      a presto amico mio

      Elimina
  3. Magari tu hai avuto la fortuna di crescere non compromesso nelle fondamenta come me, una volta che sono diventato "adulto" ho solo potuto rattoppare i danni che i miei genitori e tutte le persone che ho conosciuto in genere hanno potuto farmi.

    Io non sono stabile, ho perduto la capacità di rapportarmi serenamente col prossimo e la comunione con l'altro è esistita davvero di rado nella mia vita, e solo con una persona alla volta, per tempi sempre limitati.

    Non credere, i miei genitori non sono mostri (ma non sono nemmeno brave persone), sono solo persone di merda come oramai ce ne sono in stragrande maggioranza nel mondo.

    Comunque non riesco lo stesso ad essere ottimista.

    Osservando sempre la realtà nella sua interezza, vedo con chiarezza che c'è una sorta di ritmo esponenziale nell'universo che tende all'aggregazione, cioè che dopo il forse big bang, il tutto durante una progressiva fase di allontanamento dall'universo tende ad aggregarsi in altre realtà sincretiche.

    RispondiElimina
  4. Vado nel "piccolo" e nel familiare per fare comprendere:

    bang! Allontanamento e poi sistema solare stabile, con le sue materie e le sue vibrazioni specifiche, aggregazione e formazione della terra con le sue materie e le sue vibrazioni specifiche;
    dopo che si è stabilizzata anche lei, aggregazione e formazione delle materie organiche e delle sue vibrazioni, a sto punto, finite le combinazioni di materie in un sistema generalmente stabile comincia l'evoluzione, che non è altro che, chiamalo come vuoi, il piano di Dio, il caso, l'amore, la vibrazione divina, lo chiamano in infiniti modi, fai te.

    Le molecole organiche formano tutte le cose simpatiche che si studiano in biochimica, proteine ecc, in un processo che dagli albori del big bang è sempre più veloce, esseri unicellulari, pluricellulari, si formano tessuti, organi, invertebrati, ecc e poi si arriva agli esseri senzienti, come i dinosauri ed i primi mammiferi. Poco senzienti certo, quei poveri sfigati di dinosauri non ce l'hanno nemmeno fatta, comunque sempre senzienti. Vabbè, bla bla bla e poi arrivano i mammiferi sempre più evoluti, che compongono primitive società, alcuni arrivano ad essere froci ed altri ad accoppiarsi solo per il piacere di farlo!

    Poi arrivano gli ominidi, che si aggregano in comunità.

    Sembrerebbe che quello che ci dia evoluzione sia la tecnologia, da come parlano tutti i miei simpatici simili, invece io sono convinto che sia la società.

    La società comincia ad aggregarsi in tessuti sociali, in organi sempre più perfezionati. È la mesesima storia che si è presentata agli albori della materia biologica, solo che quest'ultima ci ha impiegato un tantino di più per fare quella perfezione casuale che noi tentiamo di forzare in soli 200.000 anni.

    Guarda caso gli esseri unicellulari si sono messi d'accordo solo dopo avere stabilito un modo di comunicazione e coordinazione iperefficiente che noi ancora non abbiamo fatto, anche e soprattutto per la semplice variabile statistica che esistono i figli di puttana che nel corso della storia hanno fatto marcire sempre più le cose, dato che la diseguaglianza di conoscenza e la disinformazione protratte per i secoli fanno miracoli satanici!
    Per questo mi pare calzante la citazione di i king che c'è come commento al primo post del blog, le cacate qui e là sulla passione che scritta così può forse fuorviare, che è semplicemente la differenza matematica tra l'azione provocata e l'elemento provocante a guadagno del provocatore di tale REazione che in quanto tale non è pensata e quindi facile alle inculate.

    Ma per la legge universale e cosmica che nessuna menzogna dura per sempre, prima o poi ci metteremo tutti d'accordo e finiremo in simbiosi, in empatia, in risonanza alla medesima vibrazione.

    La storia del diavolo che inganna il tempo e che alla fine dio vince perchè tanto ha ragione e puoi dire quante menzongne vuoi ma se uno ha ragione ha ragione. Che poi nel nostro piccolo non ci cambia un cazzo, ma se lo metti in rapporto all'eterno, per uno che ha tutto il tempo da perdere che gli offre l'infinito essere e divenire, è più facile.

    RispondiElimina
  5. Esempio lampante è che magari uno scemo può anche vivere male con se stesso ed avere tutte le malattie psicofisiche e soprattutto PSICOSOMATICHE causate da conflitti interni con lo stesso interno e la conseguente relazione che v'è con l'esterno, però non può negare di essere nato. Per quanto puoi essere sbagliato nel particolare, non si può negare che la tendenza generale esista, non importa quanti figli di puttana e quanto statisticamente nelle strategie sociali all'inizio siano avvantaggiati, è questione di tempo. All'inizio lo erano poco, tipo prima della civiltà quando la legge del più forte rendeva tutto più pari, poi lo sono diventati sempre di più, un giorno cominceranno ad esserlo sempre meno.

    Quello che mi da fastidio è essere proprio al centro del cambiamento, non ho possibilità di essere felice per i cazzi miei, sono solo un dato di fatto di questo processo.

    Devo subire i controlli totalitari (la loro implosione non lo so, dipende da quale livello esponenziale di crescita evolutiva collettivo ci sia bisogno per raggiungere il punto critico del solito karma che torna indietro) e dovrò farmi un mare di sbatti, scappare, subire fame, guerre civili, i miei genitori che spaccano il cazzo perchè per loro dovrei vendere l'anima alle multinazionali ed esserne felice ecc. Tanto non posso cambiare nulla e quel micronesimo di cambiamento apporterei non cambierebbe nulla alla tendenza generale e sinceramente non ho abbastanza voglia di immolarmi in sforzi indicibili per risultati minimi.

    È anche per questo che non ha senso votare, perchè è la realtà dei fatti.

    Ha più senso programmare una campagna di propaganda ben studiata e tentare di attuarla al meglio, ed a quel punto non avrebbe senso lo stesso votare.

    RispondiElimina
  6. Comunque la guerra mondiale può esserci senza scherzi e anche senza l'utilizzo delle atomiche, te lo assicuro.

    RispondiElimina
  7. Claudio

    devo ancora complimentarmi con te circa la tua preparazione ed elevazione del pensiero...

    ma non criticare i tuoi genitori, ognuno di noi ha un proprio percorso di crescita, ci sono quelli che diventano consapevoli dopo poche rivelazioni ed altri (come nel caso dei tuoi genitori) che ci impiegano anni...

    fino a poco tempo fa mi arrabbiavo quando non riuscivo a far capire alla gente determinate dinamiche dell'economia dei massimi sistemi o della politica adesso invece sorrido quando sento qualcuno che ripete come un pappagallo le menzogne dei tg...
    non riuscirò mai a fargli capire che lo stanno prendendo in giro a meno che lui non sia pronto per ricevere le mie informazioni in caso contrario potrà solo etichettarmi come un pazzo.

    leggere commenti di un livello cosi alto mi spinge a migliorare me stesso sempre di più.

    ti ringrazio

    a presto

    RispondiElimina
  8. Che bello non mi ha preso tutto il primo pezzo del commento!

    Mi spiace dirtelo, ma la stragrande maggioranza delle persone non ha un percorso di crescita, come dicono in un articolo dal sito che leggi pure te:

    http://www.informarexresistere.fr/2013/03/24/a-15-anni-ho-elaborato-una-teoria-a-64-ne-ho-la-conferma-definitiva-me-lha-data-il-tg3-di-ieri-sera/#axzz2OdulrkDj

    Questo non dovrebbe essere un metro di misura per odiare le persone e difatti anche non essendo Gesù è una cosa che ho smesso tendenzialmente di fare. Ma non essendo Gesù non riesco ad amare le persone random, che fanno essere tutto fuffa solo perchè devono soddisfare i loro insulsi bisogni di potere.

    Cerco di non farlo, di non criticare i miei genitori, ma è difficile per come sono loro e per come mi hanno conseguentemente cresciuto.

    Anche perchè se hai un padre che è sempre stato abituato a vedere le cose in scala gerarchica e che presuppone che questo gli permetta di possedere la famiglia assieme ai soldi che ha in banca ed utilizzarla come sfogo dagli stress repressi... Insomma non è facile quando una persona si rapporta con te solo per darti del deficiente aggratis e quando è nervoso cerca in tutti i modi di farti saltare i nervi apposta, non è facile.

    Ma senza parlare dei miei terribili problemi (ci sono persone che muoiono di fame, e persone che pensano DAVVERO di essere inutili e che si deprimono follemente perchè non riescono ad attirare l'attenzione in giro e su facebook, questi li considero seri problemi) dico solo che è difficile essere come si dovrebbe solo perchè è giusto, perchè si è quello che si è e si vive nel contesto che ci ha creati.

    E purtroppo sono un essere con molta poca volontà di agire e sperare, e molta poca stabilità mentale, per quanto riesca a tenermi in piedi decentemente e con relativamente pochi compromessi.

    Fosse per me comincerei da subito nel provare sentimenti intensi, entrare in empatia non solo quando fumo certe volte con un paio di amici, essere coinvolto dalle situazioni cariche d'emotività che a me ispirano ormai solo sterilità per quanto sono state abusate da tutti per scopi sempre estranei alla spontaneità dell'evento in sè.

    Se tu hai imparato come fare, devi spiegarmelo, anche perchè adorerei amare come si deve quel tesoro di ragazza che ho trovato, che pur con tutti i difetti del mondo, pur con intenzioni come rugiada d'altri secoli.

    RispondiElimina
  9. Claudio, amico mio... ( ti definisco amico perchè ti sento vicino nonostante ti conosca solo tramite qualche commento sul mio blog)

    io sono un esempio di come la teoria scritta nel link sia sbagliata...
    non ero assolutamente una persona consapevole ed ero uguale fino a pochi anni fa alla massa inebetita, poi pian piano ho iniziato a capire (mandami una mail e ti risponderò in maniera più esaustiva in quanto non mi và di pubblicare la storia della mia crescita personale - l'indirizzo puoi trovarlo sulla destra del blog)

    sii paziente e sii forte perchè essere consapevoli significa soffrire in maniera incalcolabile perchè ci si rende conto di non poter cambiare un bel cazzo di niente indipendentemente dagli sforzi...

    ama la tua donna senza riserve non deprimerla con discorsi sui massimi sistemi e pensate ad avere un futuro insieme

    attendo una tua mail

    a presto

    RispondiElimina
  10. Sì, anche io fino ai 17 anni ero completamente inconsapevole di tutto, il punto è che c'è chi comincia il processo e chi no.
    La teoria nel link è giusta, credimi

    "La teoria è questa: un bambino vispo, intelligente, sarà un fanciullo curioso. Di seguito diventerà un ragazzo capace nello studio o nel lavoro, un uomo respondabile magari padre di famiglia e più tardi un vecchio saggio che può regalarti consigli grazie alla sua esperienza moltiplicata dall’intelligenza di base, di partenza.
    Ogni esperienza, nel lavoro, nello studio, in generale nella vita, vissuta dal bambino intelligente fa da moltiplicatore di saggezza.
    E’ atroce ammetterlo ma il ragionamento che segue non ha nulla di razzista, offensivo, mancanza di rispetto ma solo una grande tristezza, anche se era nata con un po’ di perfidia giovanile.
    Il bambino pirla sarà un fanciullo pirla, un ragazzo pirla che diventerà uomo pirla per finire nell’apoteosi finale: sarà un vecchio pirla."

    Di sicuro se qualcuno mi avesse aiutato lo avrei cominciato prima, ma avevo imparato bene che tutto ciò che mi si voleva rifilare era nel bene o nel male qualcosa per plagiarmi senza nemmeno che chi ci tentasse ne capisse il senso.

    la mia mail è covilacacca@gmail.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti manderò al più presto una mail di risposta

      Elimina