giovedì 5 aprile 2018

ascolto consigliato : Amenra - A Solitary Reign (https://www.youtube.com/watch?v=CD7bxyzFbC4)

Scacco al Regno 2 Parte Settima : Destini intrecciati, un solo nemico : i Martiri di Utopia.




Se le sventure si riversano sugli Uomini, è frutto del caso o è il prezzo da pagare per le loro azioni?
Il Re Dawidh conosceva la risposta... Perciò, consapevole degli eventi che avverranno, senza dire una parola agli astanti, partì in groppa al caprone Levi, per una meta sconosciuta.

"Ma... lo lasciate andare così, senza spiegarvi nulla?" esclamò perplesso Adam ai discendenti del Sovrano.

" Mio padre ha bisogno di Aurora, tradotto, avremo a che fare con nemici fuori dal comue, quindi, STRANIERO, il Re ha parlato abbastanza...come direste nella vostra, penosa Utopia, siamo nella merda" rispose con tono acido Amnon

"Fratello, prima ho visto chiaramente che nostro padre ha ordinato a Levi di uccidere la ragazza e lui non ha eseguito il comando, il suo rifiuto significa che la ragazza è sotto la protezione di..." evidenziò Shelomoh.

"Anni fa, mio padre, durante la battaglia contro Echelon e Shaitan, parlò con Dio ed ebbe l'ardire di dubitare circa la Sua vera identità, chidendoGli se fosse Dio o il Diavolo. La rossa, quindi, è uno dei Suoi flagelli, ecco perché quell'inutile capra non ha voluto eliminarla" interruppe il primogenito.

"Allora sarei una prediletta di Dio e senza nemmeno saperlo? Tu vaneggi, borioso principino, proprio come il reuccio" replicò Lucy.

"C'è solo un modo per poter uscire vivi dalla foresta che circonda Utopia, lasciarsi guidare dalla coccinella di Dio, solo pochissimi esseri di questo mondo possono vederla  e tu sei uno di quelli, essere sopravvissuta conferma la mia tesi, o mia odiosa fanciulla dalla chioma scarlatta! Shelomoh, nell'attesa del ritorno del Re, teniamo a bada questi stranieri, tu prenderai in custodia il ragazzo, io gestirò la rossa" concluse Amnon.

"Non hai paura che il flagello divino possa ucciderti, principino?" dichiarò la "Rossa"

"Non hai paura che l'erede al trono possa annoverarti fra le sue concubine?  ribatté Amnon.

---

Intrattenuti da una calda tisana fumante, Shelomoh e Adam discutevano, in una stanza del palazzo reale, circa gli avvenimenti da poco sviluppatisi.

Adam : Sei molto diverso dai tuoi fratelli e da tuo padre, loro sono dei guerrieri, tu invece sembri uno decisamente più pacato...

Shelomoh : Dici bene, io una spada non so nemmeno come impugnarla ma il Destino ha voluto che ereditassi l'acume del Re, per questa ragione, a volte, fungo da suo Consigliere...

Adam : Allora potresti spiegarmi perché Re Dawidh ci ha bloccati qui? Dopotutto siamo venuti solo per invocare il suo aiuto.

Shelomoh : Se la mia interpretazione è giusta, Utopia vi ha deliberatamente permesso di fuggire e questo ha un solo significato, ovvero, in maniera consapevole oppure no, siete loro alleati... Ma la cosa più preoccupante è che Levi non ha voluto uccidere la tua compagna e questo può tradursi in una sola maniera, ella gode di una protezione che non è di questo mondo..

Adam : Giuro che non sto capendo un cazzo...

Shelomoh : Guardati intorno, in questa terra, abbiamo valorosi condottieri ma non sono molti, in pratica non siamo all'altezza di affrontare un esercito regolare come quello di Utopia... nonostante ciò, fino ad ora, nessun impero è riuscito ad invaderci perché noi siamo in possesso di particolari risorse e probabilmente c'è chi vuole vuole impossessarsene.

Adam : Di cosa stai parlando? Non riesco a seguirti... E poi, se siete così forti, aiutatemi ad uccidere il Martire così salverete la mia patria e anche la vostra.

Shelomoh : Non posso dirti precisamente di quali doti disponiamo, in un certo qual modo sono simili a quelle della tua amica, noi le utilizziamo solo per difenderci ed in casi di estrema gravità in quanto il costo per usufruirne è altissimo, per tale ragione non ce ne serviamo, in particolar modo per questioni che non ci riguardano... Vedo che hai finito la tisana, adesso vai a coricarti e non farmi brutti scherzi, straniero, io non so combattere ma i miei demoni non desiderano altro che trangugiare sangue umano, per cui non mettermi nelle condizioni di invocarli...

Adam : Va bene, va bene, farò il bravo, mi rimangio quanto ho detto prima, sei un sanguinario anche tu... i Martiri volevano la mia testa e adesso mi minaccia uno che evoca i diavoli, cazzo che vita di merda!!!

---

Nel cuore della notte, si udivano, da decine di metri, le pesanti martellate dell'eccelso fabbro Abraham che vennero interrotte dall'arrivo di suo genero, Maximilian, egli necessitava di spiegazioni circa gli ultimi accadimenti.

Abraham : Figliolo...

Maximilian : Dawidh è andato a cercare Aurora...

Abraham : Lo so, prima o poi sarebbe dovuto accadere.

Maximilian : Perché dici questo?

Abraham : Nello scontro contro Echelon, permisi a Shaitan di tornare in questo mondo, tu sai quanto l'ho amata, avrei sacrificato il mondo intero pur di rivederla.

Maximilian : E' proprio ciò che hai fatto, siamo in pericolo ancora una volta a causa della tua ossessione e adesso Dio è in collera con noi...

Abraham : Non sono sicuro che Dio ci abbia abbandonati, forse Egli si sta divertendo nell'osservarci mentre ci scanniamo con altre Sue creature...

Maximilian : Sei un folle!

Abraham : Ti sbagli, marito della mia amata figlia Jade, noi abbiamo ancora una risorsa e il Re lo sa'. Ricordi il misterioso liquido?

Maximilian : Certo...

Abraham : Una volta per tutte ti dirò cos'è. Viene chiamato Sperma dell'Anticristo, per poterlo creare occorre compiere degli atti scabrosi come sacrifici di innocenti, orge incestuose e così via, i liquidi prodotti da queste imprese, vengono raccolti in un'ampolla e, tramite una formula magica, rende chi li berrà, seppur per poco tempo, capace di trascendere il potere di Dio stesso. Con tali facoltà possiamo liberarci da ogni disgrazia...Ma...

Maximilian : Ma???

Abraham : Una volta utilizzato, successivamente, ci si ritrova in una situazione analoga e quindi si è costretti ad usufruirne ancora, entrando in una spirale di dannazione che non avrà mai fine... E' il prezzo da pagare per aver offeso Dio.

Maximilian : Conosco Dawidh fin da quando era un semplice guerriero, egli non è venuto qui da te bensì è andato a cercare la sua arma per poter risolvere la situazione una volta per tutte, affinché nel suo regno torni la quiete e questa volta senza ledere l'onore della divinità!

Abraham : Bene, se credi in lui, adesso prendi la boccetta e butta il suo contenuto fra le fiamme! Sappi che avrò bisogno di numerosi sacrifici rituali per crearne un'altra, mi occorreranno anni... Praticamente condannerai tutti a morte...

In un attimo, senza la minima esitazione, Maximilian rubò dalle mani del suocero la boccetta e la lanciò nell'incandescente fucina, l' ultima, disperata difesa del Regno di Dawidh, era andata perduta.

---

ascolto consigliato Kings of Leon - Find Me (https://www.youtube.com/watch?v=xOQ7rolBbq8)

Su di una roccia dalla superficie liscia, vi erano, appoggiati sulla schiena e con lo sguardo rivolto verso il cielo stellato, Amnon e Lucy che dialogavano in maniera stranamente pacifica considerando l'astio che scorreva fra i due... Chissà, il frinire dei grilli,le dolci, luminose danze delle lucciole o il fumo della magica pipa della "Rossa" avranno creato una romantica atmosfera che ha messo "pace" tra i due..

Amnon : Non fare l'ingorda, fai fumare anche me!

Lucy : Lo sai che un principino non dovrebbe avere vizi? E poi non sapresti nemmeno reggerla, mi toccherà fare la bambinaia oppure potrebbero venirti strane idee...

Amnon : Non ho la minima intenzione di toccarti, nemmeno se fossi sotto l'effetto di un incantesimo infatuante...

Lucy : Non avevi detto che mi vorresti fra le tue concubine? Senti, tu dai i numeri anche così, fuma! Magari ti riprendi...

I due continuarono a stuzzicarsi l'un l'altra fino a quando un susseguirsi di passi estremamente veloci, come d'un felino, spaventò la "Rossa". Di fronte a lei, accucciato sulle ginocchia, si parò un curioso ragazzino, magro, con muscoli evidenti e tesi, dagli occhi grandi simili ad un gatto e con una coda estremamente lunga di capelli nero corvino che sfioravano il terreno.
La ragazza, spaventata, lanciò un urlo e si nascose dietro la roccia.

Amnon : Cosa strilli? Stanno dormendo tutti... è solo il mio fratellino Abhshalom il "Gatto Nero", se lo chiamano così ci sarà un motivo, non credi? A proposito, terzogenito, presentati alla nostra ospite.

Abshalom (alzandosi in piedi) : IO SONO ABHSHALOM, ho quindici anni e i miei capelli sono più lunghi persino di quelli di mio padre, sono il più agile e bello di tuuuutto il Regno di Dawidh, anche se sono il terzogenito, io sarò il suo successore, lo diventerò prendendo la testa del mio odioso fratellone, WHAAAA!!!

Lucy non più spaventata, bensì incuriosita dall'adolescente, si avvicinò a lui ed iniziò ad accarezzargli i lunghissimi capelli, Abhshalom come ipnotizzato, appoggiò il capo sul petto della ragazza, strusciandosi proprio come un micio che fa' le fusa...

Lucy : Dai, non dire più certe cose, sei un ragazzino così dolce, proprio come un cucciolo...

Abhshalom si allontanò da lei bruscamente e con lo sguardo rivolto verso il basso, imbarazzato, dichiarò : "mio fratello passa la notte con mia sorella Tamar... certe cose non si fanno..."

Lucy : Piccolo, hai ragione, tuo fratello è proprio un...

Amnon (interrompe) : Un cosa??? Nessuno obbliga Tamar a passare la notte con me e poi è lei che ci viene di sua iniziativa, inoltre è la mia sorellastra, siamo figli di madri diverse... Non sarai mica gelosa?  E lo stesso vale per te, cucciolo, le tue guance rosse mi fanno pensare che vorresti essere al posto mio quando Tamar passa a trovarmi...

Abhshalom (adirato) : IO TI AMMAZZO WHAAA!

Amnon (risoluto) : Non costringermi a fare come quella volta...

Il ragazzino si calmò subito, come se profondamente spaventato da tale ricordo e fuggì via, nella foga inciampò nei lunghissimi capelli, rotolando poi in avanti con una capovolta, ripreso l'equilibrio, scomparì fra le ombre della Notte...

Lucy : Con le tue parole lo hai intimorito fino a farlo fuggire... cosa gli hai fatto? Tuo fratello è così carino...

Amnon : Nulla di che, gli mostrai cosa significhi aver ereditato la forza di mio Padre, il Re Dawidh... carino un corno... fra un paio d'anni potrebbe farmi lo scalpo per davvero, anzi già oggi devo guardarmi le spalle...

La "Rossa" e il primogenito rimasero molto in silenzio, godendosi il trascorrere del crepuscolo fino a quando, lei, con voce sensuale domandò : "Sai una cosa?".

Amnon rispose : "Dimmi"

E Lucy replicò : "Qui siete tutti così rozzi, intolleranti, fallocratici... ma... pensandoti, a cavalcioni su un demonio che fai strage dei nemici che minacciano la quiete del Regno, mi rendo conto perché la tua sorellastra Tamar, trasgredendo ogni morale, decide di giacere fra le tue braccia, principino...

Il primogenito, non riuscendo a trattenere lo stupore, tossì a causa del fumo che gli andò di traverso...

---

Ormai stanco di girovagare senza meta, Re Dawidh smontò dal dorso di Levi e si sedette su uno scoglio prominente sul mare, egli scelse quel posto perché le onde, seppur forti, non erano in grado di bagnarlo. Il sovrano doveva riflettere e l'unica cosa di cui aveva bisogno era un po' di tranquillità, ritrovare un'arma che Dio stesso gli aveva sottratto non era un'impresa semplice; nonostante fosse tormentato dagli innumerevoli pensieri, si addormentò, precipitando nell'infinito del mondo Astrale...

Piume d'aquila volteggiavano intorno al suo Corpo Eterico, di fronte ad esso, la luce abbagliante di Aurora ardeva come una stella...



Nessun commento:

Posta un commento