mercoledì 2 luglio 2014

ascolto consigliato : Mastodon - The Motherload



SCACCO AL REGNO (parte sesta)



L'incantesimo di Marduk era ormai completato, la bestia non poteva più curare le sue ferite ma era ancora troppo presto per cantar vittoria.

Il nemico aveva ancora una risorsa, la sua lunga coda si trasformò in una enorme spada mentre la sua pelle mutò in acciao, gli occhi esprimevano odio unito a voglia di sopravvivere, un'aura verde acido contornava il corpo pronto ad attaccare.

Maximilian capì subito di non essere in grado di fronteggiare un tale avversario e preso dallo sconforto accettò il suo destino ; Jade disperata cercò di afferrare il braccio del suo amato ma Abraham urlò : "se non riuscirà a sconfiggerlo non potrà salvarci, siamo solo d'intralcio, ABBI FEDE!"

Jade replicò :"padre, in questo momento tu mi parli d'aver fede??? cos'è la fede?"

"La fede è credere in qualcosa che non si può provare" rispose Abraham, Marduk accennò un sorriso temendo di perdere la propria vita da lì a qualche momento.

Il camaleonte colpì con l'elsa Max che cadde per terra perdendo i sensi.



"Nero, nero, tutto intorno a me c'è solo nero, sto morendo?Sono già morto? Cos'è questo rumore? Sta piovendo o sono le mie lacrime che cadono sul pavimento?

Vedo un puntino bianco che si allarga, qualcuno mi sta parlando, non voglio ascoltarlo, ho freddo, lasciatemi dormire in pace.

Mi brucia la guancia sinistra, chi mi ha tirato uno schiaffo?

Mi brucia anche l'altra, BASTA FERMATI, VOGLIO DORMIRE.

Chi è questo che mi grida contro? Maestro, sei tu?"

Il defunto Maestro di Max diede al suo allievo l'ultimo dei suoi consigli :

"Lascia che le acque ti bacino, trasforma questi plumbei rancori in oro. Non usare la spada, sii tu la tua spada"

"NON ANDARE VIA, TI PREGO, Maestro, TI PREGO NON ABBANDONARMI" gridò straziato Maximilian che riaprì gli occhi.

Max si rialzò, il suo sguardo era cambiato, sentiva accanto a se la forza del suo amato Maestro che lo ricoprì con un'aura cremisi, la Purificatrice Nera emanava vibrazioni così forti da far tremare il castello, il camaleonte alla vista di quella immensa potenza scappò dirigendosi nella stanza di Venus.

La malvagia regina non fu clemente con il sottoposto, con uno schiocco di dita aprì un varco per gli inferi dove precipitò la creatura demoniaca.

Venus vide Max con la Purificatrice Nera e capì che la sua ora era giunta.

"Ero sola, tutti mi ignoravano e se qualcuno mi rivolgeva la parola lo faceva per schernirmi, gli odiavo tutti, se sono diventata quello che sono è solo colpa loro, Marduk, tu sai di cosa sto parlando, brucia con me nelle eterne fiamme dell'inferno, seguimi" disse con occhi sensuali la regina.

Il negromante si girò di spalle.

Venus in preda all'ira mutò nella sua vera forma : una strega brutta, calva, ossuta e con un naso a punta  pieno di bitorzoli ; iniziò a scagliare proiettili di ghiaccio dalle dita, Marduk creò una barriera magica mentre Max si lanciò verso la regina tagliandole la testa con un colpo netto e preciso.

Prima che Venus lanciasse l'ultimo anatema Marduk le schiacciò la testa; giustizia era stata fatta.

I pochi demoni sopravvissuti tornarono all'inferno mentre gli abitanti del castello ripresero le loro normali vite, alcuni di loro però non furono trovati.

"Con quella spada salverai il tuo regno Max!" disse Jade dopo averlo baciato

"Voglio andare a dormire e svegliarmi a mezzogiorno" rispose Max....

fine sesta parte


10 commenti:

  1. C'è voglia di dire qualcosa, qui; e buone scelte musicali.
    Ci torno.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. innanzitutto grazie
      c'è tanta voglia di scrivere qui, così tanta che a volte mi blocco XD
      sei la benvenuta
      p.s. difficilmente il pubblico femminile apprezza le mie scelte musicali, i miei complimenti

      Elimina
  2. Dimmi che scherzi, dai.
    Non mi riferisco a questo pezzo in particolare, ma in generale a questo spazietto web.
    E comunque va riconosciuto che, passato il primo momento di sbigottimento, il tuo blog è divertente. Se non altro condensa in poco spazio la maggior parte dei luoghi comuni che si sentono al bar, in ufficio, durante l'aperitivo.
    Fondamentalmente innocuo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. qui non ci sono stereotipi o luoghi comuni caro anonimo commentatore bensì Liberi Pensieri da Libere Menti...
      onorato di averti regalato momenti di ilarità
      alla prossima

      Elimina
  3. Perché non risponde alla posta?
    Forse la indirizza nella cartella spam?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. caro Giorgio
      non ho ricevuto nulla, probabilmente è come dice Lei, mi invii una seconda volta il messaggio

      Elimina
  4. Risposte
    1. caro Giorgio,
      non ho ricevuto assolutamente nulla...
      inviami il testo della mail commentando sul blog, chiaramente il contenuto non sarà pubblicato, immetti il tuo indirizzo mail così potrò risponderti...
      cari saluti

      Elimina
  5. complimenti per il tuo blog..e anche per le scelte musicali ..fantastico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Banu,

      finalmente qualcuno che apprezza le mie scelte musicali

      i tuoi complimenti mi onorano...

      Elimina